Nell'acqua della chiara fontanta

MM | Inserito il 16/06/2015

Questa ne vale proprio la pena. E' la versione in milanese...
 Di Nicoletta Braschi, anno 2000

A mòll in de la fontana (Nell'acqua della chiara fontana)
In de l´acqua de ona fontana,
biòtta, la se bagnava el copin,
quand on vent de tramontana
el gh´ha portà via el vestidin.

Cont on sbatt de´ sò ogioni
la fa capì de andà a catà di ramm,
di foeuj e di frasconi,
per podè quattass e andà a cà.

Ona bella brancada de ròsett,
perché l´era `me on ratin,
ma hin bastaa per el corsett
domà i foeuj de on bocciolin.

Poeu cont i foeuj de ona mentina
gh´hoo combinà on sottanin,
ma l´era tanto piscinina
che n´è vanzaa anmò on cicinin.

Lee l´ha dervì i sò brasc e i laber
e l´era inscì imbambolada,
che mi sont cors pesg de on lader
e senza vorè l´ho sbiotada.

El gioegh gh´è piasuu a la ingenuòtta
perché adess la và sovent
a bagnass a la font,
bella biòtta, e la prega che vegna el vent,
che vegna el vent.


Nessuna risposta inserita