_Band_Faber in Rock (Italia)


Concerti
Musicisti di grande talento si ritrovano spesso a suonare, dopo anni di esperienze, in progetti musicali che aprono a un pubblico più vasto ma che costringono in musiche talvolta molto lontane dai propri gusti e dalle proprie aspirazioni. È quello che è successo ad Angelo Sciacca, chitarrista rock e ancora prima chitarrista flamenco della provincia di Catania, che da un percorso iniziato all’età di quattordici anni ha solcato la musica rock a partire da una giovanissima cover band incentrata in particolare sui Led Zeppelin. Ad anni di rock si aggiunge l’esperienza del flamenco che sfocia in concerti in duo. Con gli anni Angelo, nel tentativo di suonare qualcosa di più incentrato sul presente, solca la pop music italiana che gli riserverà tante soddisfazioni, concerti e qualche critica. Per spezzare la monotonia della pop music nasce il desiderio di dimostrare che è ancora possibile proporre al pubblico la musica italiana di alta qualità e raccogliere consensi. Contemporaneamente Angelo parla dei suoi desideri a Luigi Taibbi, compagno di scuola dell’infanzia, aspirante scrittore con qualche piccola pubblicazione alle spalle e chitarrista che per pura passione eseguì nel 2012 dei concerti solisti interamente incentrati sulla figura del cantautore Georges Brassens, quasi totalmente sconosciuta ai più nella sua zona.

Angelo, conoscendo la grande ammirazione che Luigi prova per il cantautore Fabrizio De André, gli propone di realizzare insieme una tribute band del genovese e di proporne i brani con gli arrangiamenti della Premiata Forneria Marconi. La prospettiva è ardua e i due si mettono alla ricerca di un batterista che possa imbarcarsi con loro in quest’avventura. Prendono contatto così con Salvatore Strano, batterista giarrese che è cresciuto principalmente nel rock e nell’heavy metal, recentemente impegnato nei Trypan Blue. Salvo, inizialmente, è perplesso di fronte a un genere così diverso dal suo. I tre ragazzi s’incontrano per una prima prova e ne rimangono tutti e tre piacevolmente coinvolti. Il progetto si carica così della giusta energia e spinge i tre alla ricerca di altri membri per la tribute band.

Dapprima si aggiungono un tastierista e un bassista della zona, Fabio Pennisi. Mentre il tastierista lascia il gruppo, Fabio rimane nonostante provenga da generi totalmente differenti e il progetto costituisca per lui qualcosa d’inedito.

Alla band a questo punto manca ancora qualcosa ed è poco dopo la sua fondazione che Angelo prende contatto con Ylenia Di Bartolo, violinista, studentessa dell’Istituto Musicale Vincenzo Bellini, che nonostante sia sicuramente tra tutti la più distante da tale genere, si dimostra subito entusiasta, a suo agio e coinvolta dal progetto. Così  nascono i Faber in rock, band tributo a Fabrizio De André & PFM.

All’idea di proporre i brani di De André attraverso gli arrangiamenti della PFM, si affianca presto il desiderio di fare qualcosa di proprio. Da sforzi congiunti nascono due versioni inedite di Andrea (disco Rimini, 1978) e Un giudice (disco Non al denaro non all’amore né al cielo, 1971) nelle quali, al classico arrangiamento, si accostano sprazzi di ritmo reggae e rock/metal, esaltando le doti del batterista.

Inedita è la versione di Zirichiltaggia, canzone in gallurese che De André incise per l’album Rimini del ’78. Il brano è chiaramente incomprensibile per il pubblico siciliano e per gli stessi membri della band, così Luigi decide di trasportare il brano interamente dal gallurese al siciliano, operando qualche piccolo ritocco al testo che serve ad adattarlo meglio alla nuova lingua e ai suoi modi di dire tipici. Il risultato è un brano che non perde fedeltà, smalto e rapidità, dove, forse più che in tutti gli altri pezzi, riescono a esprimere a pieno le loro doti molti musicisti del gruppo, in particolare il violino con la sua incredibile e rapidissima linea melodica.  Nel giugno 2014 l’esordio della band che ha preparato un repertorio di venti brani, ai quali si aggiungono a mo’ d’intermezzo due brani di Georges Brassens.

Faber in rock è forse la prima tribute band a Fabrizio De André & PFM della provincia di Catania, ma si augura di essere accolta dal pubblico nelle piazze e nei locali dell’isola siciliana per serate musicali davvero diverse dal solito, nel segno della buona musica, di testi vivi e di allegria.