LA SEZIONE DEL LIBRO PROMUOVI ACQUISTA Condividi Condividi
IL LIBRO DEL MONDO, LE STORIE DIETRO LE CANZONI DI FABRIZIO DE ANDRE'
Il primo volume che narra la storia dietro ogni canzone di De André: gli aneddoti, le curiosità, le vicende personali e le opinioni del cantautore genovese. Il libro del mondo indaga su tutta la produzione di De André, dagli esordi (1961) fino all'ultimo disco... continua
FaberDeAndre.Com - Il primo forum italiano su Fabrizio De André
FaberDeAndre.Com - Il primo forum italiano su Fabrizio De André
Nome utente:
Password:
Salva password
Hai perso la Password? | Opzioni di amministrazione
 
 Elenco dei forum
 Le storie dietro le canzoni di Fabrizio De Andr
 La guerra di Piero - nuova fonte?
 Nuova discussione  Rispondi
 Versione stampabile
 
Autore Discussione indietro Discussioni Discussione successiva Chiudi discussione Modifica discussione Elimina discussione Nuova discussione Rispondi alla discussione
walterpi
Ciga



30 messaggi
Inserito il - 12/12/2010 :  19:15:32  Visualizza profilo  Modifica messaggio  Rispondi citando  Visualizza l'indirizzo IP dell'utente  Condividi questa Discussione su Facebook  
Ricevo (sul sito) e posto per sollecitare pareri. Secondo Corrado Vitali un bello spunto a La guerra di Piero venne anche da una poesia di Fausto Maria Martini.
D'accordo con l'autore posto la sostanza del suo messaggio. Ecco cosa mi scrive Corrado:


Alcuni anni fa, in una antologia o storia della letteratura italiana che non ricordo, alle pp. 252-256 ho trovato una poesia di Fausto Maria Martini, poeta crepuscolare. L´ho fotocopiata.
S´intitola PERCHÉ NON TI UCCISI.
Penso che lei non avrá difficoltá a rintracciarla.
L´introduzione critica dice che ne esistono 3 versioni leggermente diverse. E aggiunge che l´episodio é realmente accaduto al poeta il 17 novembre 1916 in vetta di Pal Grande, in Carnia. (Evidentemente il nemico deve aver sbagliato la mira...)
Il commento ai vv. 7-11 dice: Sono evidenti certe suggestioni: ad esempio, del Manfredi dantesco ... e, soprattutto, del Medoro ariostesco, nel momento dello scontro con Zerbino: Stese la mano in quella chioma d´oro, e strascinollo a sé con violenza: ma come gli occhi a quel bel volto mise, gli venne pietade, e non l´uccise.

La situazione Ă© proprio quella della guerra di Piero.
Il poeta scrive:

1 Non per viltá, - né tu lo avrai creduto,
tu che la sera stessa sotto un folle
riso di stelle, dopo me caduto,
fosti zolla di sangue tra le zolle –,

5 non per viltá mancai la giusta impresa
di copirti per primo: fu perché
sullo sfondo inumano vidi te
...

12 ... con due gocce di cielo

13 per occhi (chi mai spegnerá quegli occhi
visti un attimo solo...
...

17 ti vidi profilato sul cobalto
lontano e pur cosĂ­ miracolosa-
mente vicino...
...

21 Non per viltá; né fu perché io pensassi
in un borgo lontano una sorella
tua dolce e grave, vigilante i passi
del fratello, se torni: come quella

25 che m´attese gran tempo e a me giungeva
ogni alba in sogno...
...

29 Non t´uccisi perché nella stessa ora
entrambi ci sporgemmo sopra il muto
mare del nulla insieme, o sconosciuto
compagno...
...

37 ... Insieme sulla morte
noi, vivi, ci sporgemmo, ed un fanciullo
tu mi apparisti come me: trastullo
sí l´uno come l´altro di una sorte

41 comune e l´uno e l´altro dal fluire
di questa trascinati sull´estrema riva.
Non dunque, ignoto, fu per tema
ch´io non t´uccisi, fu per non morire.

45 Per non morire in te: m´eri l´eguale,
o apparso sulla gemina trincea,
e tutt´e due la stessa sospingea
Necessitá di lá dal bene e il male.

49 Io non sapevo, o mio nemico biondo,
da qual terra lontana o qual paese
fossi tu qui venuto...
...

56 scavata in cuore ad una primavera

57 di mandorli: un ritaglio, su la terra,
di cielo: come il nastro d´una gonna
cilestrina, lanciato da una donna
amata a questa tua casa di guerra.

61 Un attimo, e mi parve d´aver colto
nel tuo sguardo una lene nostalgia
d´altri cieli e una, insonne tuttavia,
ansia di canti a fiore del tuo volto

65 muto... O tu, ch´io conobbi sol nei chiari
grandi occhi e i forti tuoi zigomi rossi,
io mi credei, nemico, che tu fossi
un convitato di conviti rari,

69 mendicante d´azzuzzo, impenitente
vagabondo, assetato sognatore,
piĂş che pensiero, cuore, cuore, cuore,
Faustomariamartini d´altra gente...

73 E non t´uccisi, o tu che mi colpisti
in fronte, non t´uccisi sol perché,
nemico ignoto dai grandi occhi tristi,
ebbi paura di morire in te.


A me pare impossibile che De André non abbia conosciuto questa poesia. Potrebbe averla studiata a scuola, o letta in qualche sua lettura di poeti, o incontrata per caso come é successo a me.

Prima di tutto la situazione Ă© proprio quella della guerra di Piero.
In secondo luogo, nella poesia si sottolineano molto gli occhi. Ed é il motivo per cui Piero non spara per primo: Ma il tempo a me resterá per vedere, vedere gli occhi di un uomo che muore.
Troviamo poi, sia nella poesia che nella canzone, il riferimento alla donna amata, lo sparare in fronte, le zolle o la terra insanguinata, il sognare un mondo diverso, l´essere costretti da una situazione di Necessitá, l´essere uguali ma nemici.
De André semplifica la poesia e la trasforma in una ballata.
Gli elementi piú mistici (mendicante d´azzurro, assetato sognatore) della poesia vengono trasformati dall´anarchico De André nell´amarezza della morte assurda in guerra (dei morti in battaglia ti porti la voce, chi diede la vita ebbe in cambio una croce, crepare di maggio, dritto all´inferno, dentro alla bocca stringevi parole troppo gelate per sciogliersi al sole).
Inoltre, l´antimilitarista De André seppellisce il soldato Piero in un campo di grano tra i papaveri rossi, senza neanche l´onore della sepoltura con le rose e i tulipani.
Cosí, Perché non t´uccisi diventa La guerra di Piero.


Ho qualche perplessitĂ , anche se Fabrizio era una spugna e divorava veramente di tutto. Cosa ne pensate?

  Chiudi discussione Modifica discussione Elimina discussione Nuova discussione Rispondi alla discussione
 Nuova discussione  Rispondi
 Versione stampabile
Vai a:

FaberDeAndre.Com - Il primo forum italiano su Fabrizio De André

 

faberdeandre.com 2001-2014

Torna Su