_News



Sulle tracce di Creuza de ma
data di inserimento: lunedì 11 gennaio 2010 ore 10:06 | letta 1520 volte

Bruno Bigoni ha navigato su un cargo ripercorrendo le tappe del marinaio genovese cantanto da Fabrizio De André, voce narrante del suo film "Il colore del vento"

Un viaggio in mare seguendo la rotta di Crêuza de mä. Un progetto di Bruno Bigoni fatto di immagini e suoni, musica e storie, porti e città raccontati nel documentario Il colore del vento, attualmente in fase di lavorazione, che uscirà nelle sale tra qualche mese. Come il marinaio protagonista del disco di Fabrizio De André, il regista ha navigato e ha toccato diversi porti del Mediterraneo cercando di cogliere le diverse realtà attraverso figure incontrate sul posto. E sono racconti pieni di dolore, di fatica, di fughe e approdi in terre poco ospitali, lontane dalle guerre ma non per questo più comprensive.

Bigoni, che ha già affrontato l'eredità del poeta genovese realizzando il documentario Faber e il volume Accordi eretici, ha avuto l'idea di questo nuovo e impegnativo progetto riascoltando Crêuza de mä riscoprendone la forza e l'attualità malgrado siano passati 25 anni dalla sua creazione. E non è il solo che sente di dover dire ancora qualcosa sul cantautore scomparso l'11 gennaio 1999. Come dimostrano i numerosi musicisti, artisti, studiosi e curiosi che a 11 anni dalla morte non smettono di proporre approfondimenti, scoperte, sguardi inediti o rivisitazioni della sua opera.

L'autore non si è limitato ad affrontare la navigazione su un cargo, tornando più volte nei porti e nelle città, ma ha coinvolto nel progetto anche Mauro Pagani che, da autore del disco insieme a De André, ha contribuito alla stesura del soggetto e curerà la colonna sonora del documentario. Gli interventi parlati del cantautore genovese scandiscono le tappe del viaggio, diventando voce narrante e spina dorsale del film che non sarebbe mai nato senza il sostegno di Dori Ghezzi e della Fondazione Fabrizio De André che hanno concesso l'utilizzo dei materiali.



Fonte: repubblica.it